2016

LUCIANO CHINESE Mostra Personale
8-15 Gennaio 2016
RIGO GALLERY
Via Mazzini, 25 Bussolengo (VERONA)
www.rigogallery.com

INAUGURAZIONE VENERDI’ 8 GENNAIO
ORE 18.00

Luciano Chinese è un artista che, effettuati studi artistici a Venezia (Liceo Artistico, Accademia di Belle Arti e Facoltà di Architettura) ha incominciato la sua carriera di pittore già negli anni sessanta. Venezia allora era un crogiuolo di sperimentazione e di incontri culturali ed egli visse il fermento dello Spazialismo, conobbe Lucio Fontana e si accostò ai gruppi dell’Arte Cinetica; conobbe e frequentò Marina Apollonio e la sua casa, dove il padre, Umbro Apollonio, famoso critico e storico dell’Arte, gli dimostrava una sincera amicizia, conobbe alcuni artisti del “Gruppo N” di Padova e gli studenti del corso di disegno industriale, conobbe Costalonga e il Gruppo “Verifica 8+1”, fondato da Sara Campesan. A molti di questi egli si legò di amicizia, pur essendo più giovane di loro, ma ebbe anche come compagno di classe Aldo Boschin.
La sua avventura pittorica incomincia con opere di ispirazione spazialista, appartenenti ad uno Spazialismo originale, diverso da quello concettuale di Lucio Fontana ed anche da quello cosmologico degli Spazialisti veneti; c’è invece, come dice il critico e storico dell’arte Toni Toniato, il teorico degli Spazialisti veneti, che curò la presentazione di una Monografia su Luciano Chinese, che venne tra l’altro presentata alla Galleria Internazionale d’Arte Moderna di Ca’ Pesaro a Venezia dallo stesso Toni Toniato, “c’è un’architettura dello spazio [che] …non è data da elementi puramente formali…sono forme geometriche…in gran parte determinate da un movimento circolare, come una rotazione su se stesse, come…un farsi [ed anche] uno spazio …molto legato a una condizione interiore…Ecco perché certe tentazioni oniriche…”(Toni Toniato, dalla presentazione a Villa Settembrini di Venezia-Mestre, pubblicata nel catalogo della mostra personale di Luciano Chinese al Museo d’Arte di Kharkov).
Ma già in quegli anni, in cui la sua pittura è, pur nella sua diversità e originalità, legata allo Spazialismo, egli sperimenta l’uso di materiali diversi dalla pittura, inserendo nelle sue opere metalli e vetri, vetri di Murano, trovati nelle fornaci. In questa ricerca dei materiali Chinese si avvicina all’arte optical – cinetica , ma anche qui in modo assolutamente personale: il movimento che già esisteva nelle rotazioni e negli Accadimenti, un movimento spirituale e mentale, viene arricchito dalla ricerca dei materiali e dalle trasparenze, dall’incidenza della luce; a mano a mano che la sua ricerca evolve egli crea delle opere assolutamente originali, con bacchette di vetro di Murano, recuperi di fornace, lastre di vetro di Murano, legni, metalli come alluminio e rame. Queste opere per lo più sono racchiuse in una teca di plexiglass, che diventa parte integrante dell’opera, creando dei volumi, delle opere oggetto.
Queste sono le opere che Luciano Chinese presenterà il prossimo gennaio a Bussolengo (Verona) nella Galleria “Rigo Gallery”.

Per info:
mila.ancona@gmail.com
rigogallery@gmail.com

www.luciano-chinese.com


2015

COMUNICATO STAMPA

GIORNATA DEL CONTEMPORANEO
Sabato10 OTTOBRE
LUCIANO CHINESE : PRESENTAZIONE ore 18.00
GALLERIA “NUOVO SPAZIO”
Via Manin 8/7 (Palazzo Manin) 33100 Udine
Sabato 17 Ottobre ore 18.00
Luciano Chinese
GALLERIA “NUOVO SPAZIO” Via Piraghetto 41
30171 Venezia-Mestre ore 18.00

Il 10 Ottobre la Galleria “Nuovo Spazio” parteciperà, come ogni anno, alla Giornata del Contemporaneo, promossa da AMACI, l’associazione dei Musei d’Arte Contemporanea.
L’evento sarà in concomitanza delle manifestazioni di Riconoscere la Bellezza, manifestazione che avrà luogo a Udine dal 9 all’11 ottobre con una serie di incontri e spettacoli che vedranno la presenza di autorevoli personaggi della politica e dell’Arte in numerosi luoghi della città. Da segnalare fra gli altri la presenza di Philippe Daverio e Vittorio Sgarbi
Questa volta la Galleria “Nuovo Spazio” presenterà l’artista Luciano Chinese, che per la prima volta mostrerà a Udine una tipologia di opere che vanno dagli anni ottanta ad oggi e che risentono dell’atmosfera cinetica degli anni sessanta e settanta, usando però una tecnica ed una ricerca molto diversa da quella dei gruppi che pur Chinese ha conosciuto e frequentato negli anni precedenti: egli usa materiali diversi, vetri, specchi, metalli, legno, ma in particolare usa il vetro di Murano, di cui ricerca i rflessi, le trasparenze e le ombre, osservabili dai vari punti di vista e nei vari colori, nei riflessi sui metalli o su altri materiali. Quasi tutte le opere sono racchiuse in teche di plexiglass e sono spesso costruite su più piani, creando dei volumi.
Alle ore 18.00 Chinese presenterà queste sue opere in una conversazione con il pubblico e ne spiegherà le ragioni, le differenze e la continuità con altre sue opere più avvicinabili allo Spazialismo.
La mostra resterà aperta fino a venerdì 16 Ottobre
Sabato 17 Ottobre, alle ore 18.00 Chinese presenterà la stessa tipologia di opere nella sede di Venezia-Mestre.
Le mostre godono del patrocinio dei club Unesco di Udine e di Venezia

Con preghiera di pubblicazione e/o diffusione

Per info: Galleria “Nuovo Spazio” via Manin 8/7 (Palazzo Manin) 33100 Udine
aperto dal martedì al sabato ore 16.00-19.30
tel. +39 0432 204163
+39 337 865200
galleria.nuovospazio@gmail.com
www.galleria-nuovospazio.com
www.luciano-chinese.com
http://www.amaci.org/gdc/undicesima-edizione/mostra-personale-di-luciano-chinese


INSTALLAZIONE A SAN SERVOLO VENEZIA

Contrassegnato , , , , , , |

LUCIANO CHINESE MOSTRA PERSONALE ALL’UNIVERSITA’ DI FRIBURGO (GERMANIA)

COMUNICATO STAMPA

 

LUCIANO CHINESE

MOSTRA PERSONALE

UNIVERSITA’ ALBERT-LUDWIGS

PLATZ DER UNIVERSITÄT 3

D-79098  FREIBURG

                                       

DAL 12 AL 16 MAGGIO 2014

 

Tra le numerose mostre organizzate in Gallerie e Musei, Luciano Chinese è stato più volte invitato ad esporre in importanti sedi universitarie: Università Denis Diderot di Parigi nel 2009, Università Humboldt di Berlino nel 2012; Quest’anno Luciano Chinese è invitato dall’Università Albert-Ludwigs di Friburgo, Germania a esporre dal 12 al 16 maggio.

L’Università di Friburgo è la più antica Università della Germania, infatti è stata fondata nel 1457 da Alberto VI d’Asburgo.

La città di Friburgo si trova al confine tra Francia e Svizzera e già nel Medioevo era un’importante centro di passaggio tra il nord ed il sud Europa e tra l’ovest e l’Europa centrale. La città nella sua movimentata storia è stata governata da diversi Signori, tra cui Austriaci, Francesi e Tedeschi. Ogni epoca ha lasciato a Friburgo le proprie tracce culturali ed architettoniche. Questa internazionalità storica ha fatto sì che la città diventasse uno dei più importanti centri culturali ed economici della Germania del sud.

L’Università Albert-Ludwigs è molto importante per gli scambi internazionali ed ha un altissimo tasso di studenti stranieri; inoltre ha varie Università partner in Europa: Scozia. Inghilterra. Irlanda, Portogallo, Spagna, Francia, Austria, Italia, Svezia, Danimarca, Australia, Nuova Zelanda, Asia, Israele, Africa, Stati Arabi, Stati Uniti, Canada, Giappone e Cina. L’Università di Friburgo inoltre collabora strettamente con le Università vicine della Svizzera del nord e dell’Alsazia ed è tra i membri fondatori della confederazione europea delle Università dell’Alto Reno (EUCOR): in questo programma ricercatori e studenti cooperano in simposi, seminari e corsi di formazione nelle lingue tedesco, francese e inglese e  una tessera studenti EUCOR, rilasciata da tutte le sette università EUCOR permette agli studenti di partecipare senza alcuna formalità alle lezioni tenute alle università collegate, di usufruire delle biblioteche universitarie e dei vari istituti e di usare le mense.

In questo clima di internazionalità e di scambi culturali si inserisce la mostra dell’artista Luciano Chinese, un artista che ha cercato sempre rapporti con le più svariate zone d’ Europa: e  con le diverse culture: ha esposto a Kharkov , in Ucraina nel 2008 e nel 2010, a Kiev nel 2011, tenendo anche al Museo Nazionale d’Arte Bodgan e Varvara Hanenko una conferenza sull’arte contemporanea italiana e i suoi rapporti internazionali, conferenza che ha riscosso un notevole successo ed ha visto la partecipazione di studenti ed intellettuali desiderosi di aprirsi ad una dimensione europea nella nuova Ucraina; ha poi esposto più volte in Francia, in Germania, in Svizzera e in Spagna, oltre che in numerosi Musei italiani.

 La mostra gode del patrocinio dei club Unesco di Venezia e Udine.

 

 

Con preghiera di pubblicazione e/o diffusione

 

Per info: 0039 3357063832

                 0039 337865200

www.luciano-chinese.com

www.galleria-nuovospazio.com

Università Albert-Ludwigs di Friburgo, Germania