Nasce a Mariano del Friuli (Gorizia) il 2 settembre 1942, ultimo di tre fratelli, in un periodo in cui in Friuli la guerra è ancora ben lontana dalla fine, e vive i problemi familiari di un padre deportato in Germania e di una madre costretta ad un duro lavoro per mandare avanti la famiglia. La madre, figlia di un industriale della sedia di allora, amante della cultura e pur costretta, in quanto donna, a rinunciare agli studi e a lavorare come operaia in fabbrica, manda il figlio primogenito, Mario, a studiare a Venezia. Luciano Chinese a cinque anni lascia il paese per trasferirsi a Grado e quando vi ritorna si sente già un po’ estraneo…Frequenta, al suo paese, la scuola elementare, coetaneo e compagno di classe di Dino Zoff, con il quale manterrà rapporti di amicizia.
A tredici anni si trasferisce a Venezia, per frequentare l’Istituto d’Arte e intraprendere poi (conseguita da privatista la maturità al Liceo Artistico) studi di Architettura e frequentare, con il Maestro Bruno Saetti, l’Accademia di Belle Arti.